A San Marco distrutta la pensilina del bus: così é “figo”?

A San Marco distrutta la pensilina del bus: così é “figo”?

3 Febbraio 2020 0 Di Redazione

Altro episodio di vandalismo, questa volta registrato in località Torretta di San Marco di Castellabate ,dove una pensilina funzionale alla sosta del servizio di trasporto pubblico è stata danneggiata irrimediabilmente da un macigno scagliato contro la struttura in acciaio e vetro. In frantumi la parte fragile della pensilina, un ulteriore scempio perpetrato ai danni di un servizio pubblico, funzionale ai tanti pendolari, soprattutto studenti, che sostano proprio su quel quadrivio per raggiungere la scuole di Agropoli e Vallo della Lucania. Il fatto, denunciato da un cittadino del posto che ha pubblicato sulla sua pagina fb anche le foto del fattaccio, un ulteriore scempio ai danni della comunità tutta, al decoro della città, ha rinnovato quanto negli ultimi giorni sta accadendo in più luoghi del Cilento, soprattutto in quelli frequentati dai giovani, come parchi pubblici e ritrovi all’aria aperta.

Anche nei giorni scorsi, proprio a causa di ripetuti assalti vandalici, sempre a delimitazioni in vetro, staccionate, giostre e spazi comuni, era stata disposta la chiusura del Parco Stella del Mattino a Vallo della Lucania, come pure interdetta, anche se per poche ore, l’area fitness della città nei pressi della scuola materna Luinetti, sempre per fatti analoghi. Divelte le staccionate e rotti i cestini, l’amministrazione è riuscita a far ripristinare la zona devastata ed a restituirla alla comunità, nuovamente integra. Ma il fatto registrato a san Marco di Castellabate, su una strada trafficata, un rettilineo che fa da spartitraffico alla località limitrofe, dove con un macigno di diversi chilogrammi si è mandato in frantumi un manufatto utile pure a ripararsi in caso di condizioni meteo avverse, lascia davvero interdetti.

Distruggere quel che di buono ed utile viene messo a disposizione della comunità per il gusto di farlo, magari, per riderci su, davvero apre molti punti interrogativi sulla percezione di quelli che sembrano non essere più dei valori di civiltà

(27)