PARCO – Bracconaggio a Casalvelino

BRACCONAGGIO: CONTROLLI E SEQUESTRI NEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO VALLO DI DIANO E ALBURNI.

Due persone sono state colte in flagranza di reato per l’introduzione non autorizzata di arma da fuoco ed esercizio venatorio nel comune di Casalvelino (SA).

Casalvelino(SA) 13/11/2014- Sono stati denunciati dal Corpo Forestale dello Stato due bracconieri, responsabili di aver praticato esercizio venatorio e introduzione di arma da fuoco non autorizzata nell’area protetta del Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni, in agro del comune di Casalvelino in località ”Foresta”.

L’operazione è scattata a seguito di segnalazione pervenuta alla Centrale Operativa 1515 del Corpo Forestale dello Stato di Napoli.

I forestali del Comando Stazione di Casalvelino ricevuta la segnalazione, giunti alla predetta località, udivano dei fischi, classico richiamo utilizzato dai cacciatori per gestire i cani e dei cani abbaiare.

La pattuglia, proseguendo a piedi lungo una strada in terra battuta, sorprendeva in flagranza di reato due persone che armate di fucile erano intenti ad esercitare una battuta di caccia in un’area inclusa nel perimetro del Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni.

Tutto ciò in violazione della Legge Quadro sulle aree protette e delle norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio.

Per la caccia nei Parchi Nazionali la legge prevede l’arresto fino a 6 mesi e l’ammenda da 464 a 1549 euro, mentre per l’introduzione di armi non autorizzate, la legge prevede l’arresto fino a 6 mesi e l’ammenda da 103 a 12.911 euro.

Accertato l’abuso, le giubbe Verdi sottoponevano a sequestro penale le armi e le munizioni, deferendo alla competente A.G. di Vallo della Lucania i due bracconieri, rispettivamente di 56 e 37 anni, residenti entrambi a Casalvelino.

Prosegue serrata l’attività del Corpo Forestale dello Stato che in questo periodo di emergenza dovuta all’eccessiva presenza dei cinghiali nelle zone antropizzate, mantiene molto alta la soglia di guardia per affermare la legalità sul territorio protetto.

In ogni caso, l’attività è rivolta anche a tutelare la pubblica incolumità e la salute dei consumatori, atteso che le carni non sono sottoposte ad alcun controllo sanitario e pertanto il loro consumo mette a serio rischio la salute della collettività.

Firmato

Coordinatore Territoriale V.Q.A. Fernando SILEO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: