Ogliastro Cilento – “No agli extracomunitari”

Ogliastro Cilento si schiera apertamente contro gli extracomunitari. Questo è quanto emerge in una delibera approvata nei giorni scorsi dal consiglio comunale, che ha espresso parere negativo alla proposta avanzata dalla Prefettura di Salerno e dal consorzio Rada di realizzare un centro d’accoglienza per immigrati nel paese.
La notizia relativa alla possibilità che fosse realizzato un centro di accoglienza per tutti gli extracomunitari giunti sul posto si era rapidamente diffusa nei giorni scorsi, scatenando il panico e le polemiche fra i pochi abitanti del centro dell’alto Cilento.
La popolazione, infatti, aveva espresso in ogni parte il proprio malcontento, alimentando numerosi dibattiti per le strade, le piazze, nei bar e sui social network.
Il centro di fatto sarebbe stato dotato di ben 6 appartamenti, ciascuno con 8 posti letto e 6 bagni.
Ad alimentare preoccupazione e paura le recenti rivolte degli extracomunitari registrate in centri vicini, come Capaccio, Palinuro e Roscigno, ma il problema maggiore è rappresentato dalla fobia dell’ebola.
Non sono dunque mancate le proteste da parte dei cittadini, colte subito al balzo dalla minoranza politica, che in consiglio comunale ha incalzato l’amministrazione sul tema.
“Sono contrario all’apertura di un centro di accoglienza – ha detto il consigliere Vincenzo Oricchio durante la pubblica assise – non perché sono razzista, ma per interpretare la volontà popolare, in quanto gli extracomunitari sono visti come possibili veicoli di trasmissione dell’ebola”.
Dello stesso parere anche Maria Raffaella Capo, la quale ha peraltro rimarcato il fatto che non esista alcuna rassicurazione sia per ciò che riguarda la sicurezza sia per ciò che concerne la salute pubblica.
Di qui dunque la decisione della maggioranza di tornare sui suoi passi, approvando un documento con il quale esprimere la contrarietà del consiglio all’apertura della struttura di accoglienza, con lo scopo, per l’appunto, di salvaguardare la tranquillità della popolazione che esso rappresenta.
La delibera ha avuto l’approvazione all’unanimità, ciononostante, però, in città non mancano le perplessità sul tema e sono molti quelli che si chiedono se basti il documento del consiglio comunale per scongiurare il rischio dell’apertura del centro di accoglienza.

di Emerenziana Sinagra

-Riproduzione Riservata –

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: