CINIPIDE DEL CASTAGNO – Contributi regionali per fronteggiare l’emergenza

CINIPIDE DEL CASTAGNO – Contributi regionali per fronteggiare l’emergenza

28 febbraio 2014 0 Di Redazione GwTelevision

28 FEBBRAIO 2014 – La Giunta Regionale della Campania ha deciso di stanziare dei contributi per poter far fronte all’emergenza causata dal Cinipide del castagno, l’insetto che ha provocato ingenti danni agli alberi del comprensorio cilentano e, di conseguenza, a tutto l’indotto economico che ruota intorno alla castagna. A comunicarlo la Coldiretti provinciale di Salerno, aggiungendo che entro l’11 aprile 2014 gl’interessati potranno presentare le istanze per accedere agli incentivi concernenti progetti che dovranno – comunque sia – prevedere il controllo biologico del cinipide tramite l’introduzione del Torymus sinensis, l’insetto antagonista del Cinipe, necessario per debellare quest’ultimo.  Come ha evidenziato il direttore  provinciale di Coldiretti, Salvatore Loffreda «Il cinipide ha causato un crollo della produzione di oltre il 70 per cento creando gravissimi problemi al comparto castanicolo che da sempre, in questa provincia, riveste una notevole importanza economica. Il fenomeno non risparmia – prosegue Loffreda – anche l’eccellenza del Marrone di Roccadaspide fiore all’occhiello della produzione nazionale. In tal senso riteniamo strategico il bando varato dalla Regione Campania». Tradotto in cifre, la sola Campania produce il 55% delle castagne italiane con circa 300mila quintali/anno. Inoltre, nella sola provincia di Salerno sono quasi 5mila gli ettari destinati alla castanicoltura. Tra i principali  comuni dediti a tale attività: Acerno, Magliano Vetere, Roccadaspide, Stio Cilento, Sicignano degli Alburni, Calvanico, San Cipriano Picentino e Giffoni Valle Piana.

(117)

Annunci