Battipaglia – Diritto allo studio negato a 2 allieve

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Due quindicenni, una di Battipaglia e una di Campagna, non hanno ancora iniziato l’anno scolastico, nonostante gli obblighi di legge. A settembre non erano state ammesse all’istituto professionale “Ferrari” di Battipaglia, in quanto, essendo state bocciate l’anno scolastico precedente, non avrebbero potuto effettuare la nuova iscrizione.

Le famiglie, dopo aver presentato denuncia presso la compagnia dei carabinieri di Battipaglia, hanno inviato numerose lettere al Miur, alle assistenti sociali del comune di Battipaglia e Campagna e al Provveditorato di Salerno, ottenendo fino ad ora solo richieste d’attesa.

Intanto le due ragazzine sono a casa da un mese e mezzo, vivendo, a detta dei genitori, un grave stato di depressione e mortificazione per lo status di cose. “La situazione è ancora in alto mare – fa sapere la madre di una delle due ragazze – mia figlia ancora non ha iniziato a frequentare e ha già perso il primo mese e mezzo di lezioni. Abbiamo scritto al Provveditorato di Salerno, ma giustamente dobbiamo attendere per ottenere una risposta.

Avevamo presentato denuncia alla Procura, ma nulla è ancora successo”. Le due famiglie hanno chiesto, tramite legali, i documenti che servirebbero per poter iscrivere le due ragazze in un altro istituto, ma dal “Ferrari” non è ancora giunta alcuna risposta.

A quanto pare al “Ferrari” vige un regolamento che non consente agli allievi che sono stati bocciati di potersi iscrivere all’anno scolastico successivo.

Una delle madri delle due ragazze ha aggiunto che la vicenda non passerà inosservata e senza conseguenze in quanto si tratta di due minorenni e poiché, del resto, in altre classi dello stesso istituto vi sono allievi che sono stati bocciati negli anni passati.

La vicenda comunque è intricata: le due allieve, infatti, bocciate lo scorso anno, erano prima state trasferite in un’altra sezione, in seguito non ammesse e non iscritte al “Ferrari”. Le 15enni si erano presentate all’inizio dell’anno scolastico, non essendo però accolte in classe. La dirigente scolastica aveva spiegato alle mamme delle due ragazze che la loro ammissione non era stata accettata dal Consiglio di Classe a causa della bocciatura dell’anno precedente.

Su invito esplicito della scuola, dunque, le famiglie avevano iscritto le figlie in un’altra sezione.Il giorno successivo l’amara scoperta: nessuna delle due allieve era presente nella lista fornita agli insegnanti.

di Emy Sinagra[/vc_column_text][dt_logos columns=”2″ dividers=”true” number=”3″ orderby=”date” order=”desc” animation=”none” category=”turismo,mass-media”][/vc_column][/vc_row]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: